Come scegliere la miglior motosega elettrica a batteria

Per scegliere la miglior motosega elettrica a batteria, definita anche elettrosega, sarà bene conoscere alcune differenze che stanno alla base di questa tipologia di motosega e che differenziano questi modelli dalle stesse motoseghe elettriche con filo (quelle che si collegano alla presa da 220 V) e alle motoseghe con motore a scoppio (le più classiche motoseghe a benzina).
Innanzitutto diciamo che l’elettrosega a batteria è una motosega elettrica che funziona tramite un motorino interno alimentato da una batteria. Come per ogni arnese elettrico, il voltaggio della batteria risulterà un dato fondamentale per comprendere il livello di forza della motosega stessa.
Tuttavia ci sono altre caratteristiche da prendere sicuramente in considerazione prima di effettuare l’acquisto. Andiamo a vedere prima i vantaggi e svantaggi di una motosega a batteria rispetto a quelle con il filo a quelle a benzina.

Vantaggi delle motoseghe a batteria

Le motoseghe dotate di batteria, naturalmente ricaricabile, possono godere di alcuni vantaggi rispetto alle motoseghe con il filo e rispetto le motoseghe con motore a scoppio.

Mancanza del filo

La mancanza di filo è una delle caratteristiche per le quali si sceglie una elettrosega con batteria. Rispetto alle motoseghe elettriche dotate di filo, infatti, quelle a batteria vantano una batteria interna ricaricabile che consentirà il funzionamento elettrico del motorino e che soprattutto farà sì che l’utente possa operare senza il filo tra i piedi.
Caratteristica molto positiva soprattutto durante quelle fasi di potatura in cui ci si trova ad una certa altezza o comunque in posizioni non certo favorevoli alla presenza di un filo (si pensi per esempio alla posizione in cima ad una scala per potare un ramo a metri e metri di altezza). Il filo, in taluni casi, può non solo dare fastidio ma può essere anche pericoloso (il pericolo di intralcio e quindi di andare a tranciare il filo durante la stessa fase del taglio è sempre dietro l’angolo).

Maneggevolezza e leggerezza

Rispetto ai modelli a benzina, le elettroseghe dotate di batteria risultano certamente più leggere. Ma se consideriamo i modelli elettrici con filo, le elettroseghe a batteria si pongono a metà strada tra quelle elettriche cablate e quelle a benzina in quanto il peso della batteria, che in ogni caso non è paragonabile al peso del motore a scoppio di un modello a benzina, comunque si fa sentire.

Manutenzione

La manutenzione delle elettroseghe a batteria rispetto ai modelli a benzina è pressoché minima, proprio come per i modelli cablati. L’unica accortezza è, ovviamente, ricaricare la batteria prima dell’utilizzo. Di solito ci vuole un’ora o al massimo due ore con l’apposito caricabatteria. Quest’ultimo può essere o meno fornito nella confezione e vi consigliamo dunque di controllare che sia presente prima di effettuare l’acquisto. Anche lo stesso pacco batteria può non essere presente nella confezione
Alcuni produttori, infatti, per abbassare il prezzo, non forniscono la batteria che comunque, almeno molto spesso, risulta essere a “universale” nel senso che molti altri arnesi elettrici dello stesso produttore possono essere caricati con lLa stessa batteria. Si tratta, dunque, di una caratteristica positiva per chi già possiede il caricabatteria e il pacco batteria compatibili perché ha già acquistato strumenti ricaricabili in precedenza compatibili con lo stesso modello di caricabatteria.

Svantaggi delle motoseghe a batteria

Ovviamente anche le elettroseghe a batteria sono caratterizzate da alcuni svantaggi. Sarà dunque bene conoscerli prima di effettuare l’acquisto di un modello con il filo oppure di uno senza filo.

Ricarica della batteria

Il primo svantaggio è naturalmente insito nella presenza della batteria: quest’ultima dovrà essere preventivamente caricata prima di cominciare la sessione di potatura, qualcosa che per alcuni potrà risultare fastidioso. Inoltre il livello di carica della batteria può venire meno proprio nel bel mezzo di una sessione e, se non si possiede un secondo pacco batteria già carico, si dovrà attendere la fase di ricarica che può durare anche più di un’ora per terminare la sessione di potatura.

Potenza minore

Rispetto ai modelli a benzina, ma anche agli stessi modelli elettrici con filo, i modelli con batteria sono caratterizzati da una potenza sicuramente minore a parità di prezzo. Si tratta di una caratteristica intrinseca alla tipologia stessa di arnese: tutti gli attrezzi elettrici con batteria ricaricabile non possono essere paragonati agli arnesi che funzionano tramite la 220 V.
Suggeriamo dunque l’acquisto di una motosega elettrica a batteria per quei casi in cui non si dovranno potare o tagliare tronchi di grosse dimensioni ma solo rami e tronchi fino a 20-25 cm di diametro.
Qualora si dovessero eseguire sessioni di potatura più dure o difficili, si consiglia l’acquisto di un modello con filo e, se non si può utilizzare il filo (ad esempio se la potatura dovrà essere effettuata da un luogo distante dalla presa elettrica) consigliamo l’acquisto di un modello a benzina.
Si tratta, dunque, di oggetti pensati più che altro per la sfoltitura di rami e tronchi piccoli o medi.

Altre caratteristiche da considerare

Per quanto riguarda le altre caratteristiche da considerare, ti consigliamo la lettura della nostra guida all’acquisto delle motoseghe elettriche. Per quel che concerne le motoseghe elettriche con batteria, ti consigliamo anche di prestare attenzione a:

  • La potenza della batteria, espressa in volt. A seconda del livello qualitativo della motosega e della sua potenza, il voltaggio della batteria può variare da 18 volt (V) fino a 48 V. Naturalmente i modelli con batteria da 18 V potranno offrire un livello di potenza minore rispetto ai modelli con una batteria da 24 V oppure rispetto ai modelli con batteria da 48 V.
    E, naturalmente, i modelli con voltaggio superiore cominceranno a costare sensibilmente di più. Da comprendere anche che le batterie più grandi necessitano di un tempo maggiore per quanto riguarda la fase di ricarica.
  • Presenza della batteria e del caricabatteria. Come abbiamo specificato prima, sarà bene accertarsi del fatto che il pacco batteria sia presente nell’offerta. Bisognerà inoltre accertarsi della presenza del relativo caricabatteria. Qualche volta batteria e caricabatteria possono essere infatti non presenti nella confezione.
  • Considerare l’acquisto di un secondo pacco batteria. Se si dovranno effettuare operazioni di potatura relativamente lunghe, sarà d’uopo acquistare un secondo pacco batteria da affiancare al primo (che dovrebbe essere presente già nella confezione). In questo modo, qualora si scarichi la batteria, si potrà proseguire inserendo velocemente il secondo pacco batteria (naturalmente già preventivamente caricato).

Dai un voto a questo prodotto

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (ancora nessun voto)
Loading...

Commenta per primo

Scrivi un commento